logo

Ricarica dei veicoli elettrici a domicilio, cosa è obbligatorio?

Nuove regole per incoraggiare la diffusione dei veicoli elettrici e contribuire a uno sviluppo sostenibile, riducendo l’utilizzo dei tradizionali carburanti derivati dal petrolio.

Nato dal recepimento della Direttiva Europea 2014/94/UE (Directive Alternative Fuel Iniziative - DAFI) è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dello scorso 13 gennaio il D.Lgs 257/2016. Il nuovo Decreto, che modifica il Testo Unico dell’Edilizia (DPR 380/2001), impone tra le altre disposizioni anche l’adeguamento dei regolamenti edilizi dei Comuni. Tali regolamenti, per il conseguimento dell’agibilità abitativa, dovranno prevedere l’obbligo della predisposizione all’installazione d’infrastrutture per la ricarica dei veicoli elettrici. I Comuni dovranno adempiere a tale prescrizione entro il 31 dicembre 2017.

In particolare, l’articolo 15 del Decreto indica come edifici soggetti all’obbligo:

  • quelli non residenziali di nuova costruzione di superficie superiore a 500 metri quadrati;
  • quelli residenziali di nuova costruzione con almeno 10 unità abitative, per un numero di spazi a parcheggio e box auto non inferiore al 20 per cento di quelli totali;
  • quelli già esistenti che vengono sottoposti a ristrutturazione edilizia di primo livello (intervento che coinvolge almeno il 50% della superficie lorda e l’impianto termico).

Per questa tipologia di immobili deve essere prevista la predisposizione alla connessione alla rete elettrica al fine di una possibile installazione di infrastrutture elettriche per la ricarica dei veicoli adatte a consentire il collegamento di una vettura da ciascuno spazio a parcheggio coperto o scoperto e da ciascun box per auto, di pertinenza o no, in conformità alle disposizioni edilizie di dettaglio fissate nel regolamento stesso.

Il D.Lgs 257/2016, a carattere nazionale, è il riferimento per tutti i comuni italiani che, nell’ambito della loro autonomia decisionale, potranno interpretare la legge in modo più restrittivo, imponendo per esempio non la semplice predisposizione, ma bensì l’installazione.

Inoltre, per supportare lo sviluppo sul mercato della mobilità elettrica, il Decreto Legislativo impone la realizzazione sul territorio nazionale, entro il 31 dicembre 2020, di un numero adeguato di punti di ricarica accessibili al pubblico.

In particolare, le Regioni, nel caso di autorizzazione alla costruzione di nuovi impianti di distribuzione carburanti e di ristrutturazione totale di quelli esistenti, dovranno prevedere l’obbligo di dotarsi di colonnine per la ricarica elettrica.

Lo sviluppo del numero di punti di ricarica dovrà tener conto della quantità stimata di veicoli elettrici in circolazione e delle particolari necessità legate alla realizzazione di colonnine accessibili al pubblico localizzate in zone d’interscambio con i servizi di trasporto collettivo.

fonte: http://new.abb.com

 

Scopri l'offerta Tecno-Lario

logo tecnolario emobility

 

 

Read more for Ladbrokes the UK bookmakerLadbrokes UK - full information
BIGTheme - Free Templates
  • logo ABB
  • logo aquion
  • logo AUO
  • logo benq
  • logo bisol
  • logo fiamm
  • logo gasokol
  • logo KEBA
  • logo lg
  • logo rwelogo Innogy
  • logo sicurdelta
  • logo SE
  • logo solarlog
  • logo solaredge
  • logo solarworld
  • logo steca
  • logo tigo
  • logo azzurro

Tecno-Lario S.p.A.

P.iva 00426040135
Via donatori di sangue, 1/7 20010 Vanzago (MI)
Via B.Buozzi 25\A 23900 Lecco (LC)
Tel.: (+39) 0341 282009
Fax.: (+39) 0341 284963

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Questo sito utilizza cookie propri e di altri siti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.